Dieta per l’obesità. Per i grandi obesi è meglio il bisturi!

Recentemente nelle linee guida sull’obesità sono state introdotte le metodologie chirurgiche, come trattamento efficace nei soggetti obesi di classe III. In Italia, questo tipo di intervento è abbastanza diffuso, si eseguono circa 3000 interventi all’anno, numeri ben lontani dai dati USA, dove la chirurgia dell’obesità è la chirurgia più diffusa dopo l’appendicectomia. Questa malattia rimane…

Vitamine. Teoria e realtà dei loro benefici

Le popolazioni occidentali, che abitualmente consumano piccole, ma appropriate dosi di vitamina E presenti nella loro dieta (olio, vegetali, noci ecc.), acquistano composti multi-vitaminici e supplementi che possono incrementare l’apporto giornaliero di vit. E da 30 a 1000 IUdie. Alcune ricerche suggeriscono che assumere vit. E può stimolare il sistema immunitario e prevenire le malattie…

Speciale colesterolo

Come ridurre il colesterolo? Quando intervenire? Come colmare il gap tra linee-guida e pratica clinica? Dallo studio europeo “Cholesterol: the public policy implications of not doing enough” emerge chiaramente che l’aumento vertiginoso dei livelli di colesterolo nella popolazione europea e l’assenza di adeguate misure per gestire questa sorta di “epidemia silente” potrebbero provocare una vera…

Svezzamento con glutine e malattia celiaca: qualche certezza e molti interrogativi

Benché la sua etiopatogenesi non sia ancora completamente chiarita, la malattia celiaca (MC) viene considerata una malattia autoimmune nella quale gli anticorpi anti-transglutaminasi (TG), il marker più sensibile attualmente in uso per la sua identificazione, rappresentano il principale autoantigene.A rischio di malattia sono gli individui portatori del gene HLA-DQ2 o HLA-DQ8 nel momento in cui…

Impatto di uno screening per la malattia celiaca sulla morbilità e mortalità per osteoporosi

L’osteoporosi viene oggi considerata una malattia di rilevanza sociale: in Italia, secondo stime attendibili almeno 5 milioni di persone oltre i 50 anni ne sono affette ed ogni anno oltre un milione di donne ultracinquantenni va incontro a fratture vertebrali o femorali che causano dolore cronico e disabilità. Dati ufficiali del Ministero della Salute indicano…

Vitamina E e cancro

Le malattie cardiovascolari aterosclerotiche e le neoplasie rappresentano oggi le cause di morte più frequenti nei paesi sviluppati. E’ noto che alla base di entrambi i processi morbosi può esserci uno stress ossidativo, che nella malattia aterosclerotica attraverso l’ossidazione delle lipoproteine a bassa densità ne aumenta il potere aterogeno, così come provoca disfunzione endoteliale, proliferazione…

La posizione conta nella misurazione del grasso intraaddominale

Epidemiologia L’adiposità intraaddominale viene spesso misurata per determinare il livello di rischio coronarico: il presente studio ha dimostrato che la RM a livello della seconda vertebra lombare di solito cattura la maggior parte dell’adipe intraaddominale. Gli studi che ricercano una connessione fra adipe intraaddominale e fattori di rischio di malattie cardiovascolari dovrebbero prendere in considerazione…